Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Torino

lunedì 13 maggio 2013/Categories: News

Il pm Raffaele Guariniello, tracciando un parallelo con il caso Ilva di Taranto, ha ribadito la richiesta di condannare a vent'anni di carcere i vertici della Eternit, lo svizzero Stephan Schmidheiny e il belga Louis De Cartier, per gli oltre duemila fra morti e malati provocati dall'amianto lavorato in quattro stabilimenti italiani della multinazionale. Guariniello ha evocato in aula l'ordinanza con cui la Cassazione il 4 aprile scorso ha respinto il ricorso contro gli ordini di custodia cautelare per gli imputati ed ha dichiarato "I reati di disastro e rimozione volontaria di cautele, gli stessi che contestiamo noi, sono ascrivibili a condotte tenute negli anni, si sono consumati anche con la gestione successiva al 1995 e i loro effetti sono ancora attuali". Mantenendo poi il parallelo fra Ilva ed Eternit, ha sottolineato che la Suprema Corte parla di "pervicacia e spregiudicatezza" degli imputati. "Mi ci è voluto del tempo - ha concluso il magistrato - per capire che non era giusto addebitare il disastro Eternit ai dirigenti italiani degli stabilimenti. Schmidheiny è stato bravo a nascondersi in tutti questi anni. Ma grazie anche ai parenti delle vittime ho potuto individuare la strada da prendere: dietro a questo immane disastro c'erano delle scelte strategiche prese dal vertice. C'era un'unica regia".

Number of views (1077)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi