Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Messina

giovedì 27 dicembre 2012/Categories: News

Non si ferma la strage della Sacelit: dopo le morti per cancro di 110 su 218 dipendenti e delle mogli di due operai, che per anni hanno lavato gli indumenti da lavoro che erano state a contatto con l'amianto usato nella ditta di San Filippo del Mela, è deceduta ora L.F.P., 43 anni, figlia di un ex impiegato di quella che è stata chiamata la "fabbrica della morte". Alla donna, madre di quattro figli, a giugno era stata diagnosticata una patologia polmonare. La notizia è stata data, oggi, dal presidente del Comitato ex esposti amianto, Salvatore Nania che, accanto al padre della vittima, ha lavorato nell'industria per anni. "Sin dalla nascita - ha scritto Nania - la donna è vissuta nella casa sociale della Sacelit ubicata a qualche metro dall'industria, respirando le fibre killer di amianto. Certamente ha avuto una sola colpa quella di avere un padre ex dipendente della Sacelit e di aver passato i suoi anni da adolescente in una abitazione adiacente la stessa industria e con i tetti di amianto-cemento".

Number of views (766)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi