Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Bologna, 12 giugno

venerdì 12 giugno 2015/Categories: News

Confermato il risarcimento di 50mila euro a Filt-Cgil, che si era costituita parte civile nel processo che ha condannato ad un anno il responsabile di Officine Grandi Riparazioni di Ferrovie dello Stato, Frano Cataoli, accusato in concorso con altri tre dirigenti, tutti deceduti durante il processo, per omicidi colposi e lesioni colpose a numerosi dipendenti dell’azienda, morti per esposizione all’amianto. L’avvocato Donatella Iannelli, che ha assistito la Filt-Cgil ha dichiarato che questa “è una sentenza complessa, e la Corte d'appello ha fatto un provvedimento che è definitivo nel merito, ribadendo la condanna e ribaltando l'assoluzione. La sentenza spiega che i lavoratori non avevano alcun presidio. E' una decisione netta. La sentenza non è mai in ritardo - ha detto - serve a replicare che le norme vanno applicate". Silvano De Matteo, della Filt-Cgil ha voluto sottolineare che nei lavoratori "c'era un senso di abbandono, che ha portato la Cgil a proporsi per fare giustizia, costituendosi parte civile nei processi penali. Quello che si doveva fare per prevenire non si è mai fatto, e ne paghiamo le conseguenze oggi". Il caso della Ogr, dai dati della Usl, “ha certificato 403 morti, e tre sono dell'ultimo mese. E' successa una tragedia - ha spiegato Salvatore Fais, Rsu Cgil delle Ogr - uno sterminio, ma non è ancora venuto tutto alla luce. Sono 400 accertate, ma ce ne sono tante altre che non conosciamo. Il nostro è un discorso di giustizia".

Number of views (925)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi