Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Imola

giovedì 17 gennaio 2013/Categories: News

Interventi in materia di censimento e rimozione dell’amianto presente negli stabili. È questo l’intervento del Comune di Imola che con Ordinanza del sindaco n. 938 del 24/12/2012 sta attuando evidenziando ilfatto che i materiali contenenti cemento-amianto, presenti nelle abitazioni private, nei garage, nei giardini e nei fabbricati adibiti ad attività artigianali/industriali (quali vecchie canne fumarie, cisterne o lastre ondulate di copertura) sono pericolosi per la salute in quanto potenzialmente cancerogeni, richiama i cittadini imolesi all’obbligo, dove sia rilevato il rischio di dispersione della fibra, di rimuovere materiali contenenti amianto.
Il provvedimento prevede due scadenze di cui la prima è fissata al 30 aprile 2013.
Entro quella data i proprietari di immobili o gli amministratori di condomini dovranno contribuire al censimento di tutti manufatti in cemento amianto che sono nel territorio imolese compilando e inviando al comune di Imola una scheda tecnica, appositamente creata, che è allegata all’ordinanza.
Seconda scadenza è fissata al 30 di ottobre 2013. Entro questa data proprietari di immobili e amministratori di condomini dovranno presentare al Servizio edilizia privata e ambiente del Comune di Imola una valutazione del rischio dettagliata e redatta da tecnico abilitato, ai sensi della normativa, delle Linee guida regionali per la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento-amianto e per la valutazione del rischio e delle norme UNI vigenti.
La valutazione riguarderà lo stato di conservazione delle coperture e pareti contenenti cemento amianto e, in accordo con le precitate linee guida, dovrà stabilire se lo stato di conservazione del materiale presente è classificabile come “Discreto, Scadente, Pessimo, e individuare le conseguenti azioni da adottare.
Si potrà altresì presentare un’analisi per la ricerca delle fibre di amianto comprensiva delle azioni che si intendono adottare e i tempi di realizzazioni delle medesime o, laddove già provveduto alla rimozione, presentare, dichiarazione redatta sul fac simile allegato all’ordinanza, attestante l’avvenuta rimozione e smaltimento recante in allegato copia del formulario trasporto rifiuti.
La mancata osservanza di quanto stabilito dall’ordinanza comporta la sanzione pecuniaria ai sensi dell’art 7 bis del D.Lgs 267/2000: da un minimo di 25 euro a un massimo di  500 euro.
 
 
 

Number of views (879)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi