Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Cagliari

mercoledì 20 febbraio 2013/Categories: News

I diciassette imputati di discarica abusiva e di violazione delle norme per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi per aver usato rifiuti tossici e quintali di tubazioni d'amianto come sottofondo del nuovo bordopista dell'aeroporto di Elmas, vicino Cagliari, oltre che stoccato miscele d'asfalto asportato dalle strade al di fuori dalle prescrizioni della legge, andranno tutti a giudizio. Si è fatto riferimento a prove documentali e testimoniali inconfutabili, che a giudizio della Procura inchiodano i protagonisti di questa vicenda alle loro responsabilità, su profili penali piuttosto chiari. L'accusa ribadita dal pm è per tutti discarica abusiva di rifiuti speciali e di violazione delle norme che regolano lo smaltimento. Elmas e Capoterra sono i comuni al centro dell'inchiesta, che riguarda gli anni fra il 2008 e il 2009. Costruire ponti e strade riciclando materiali di scarto è consentito in una quota che non dovrebbe superare un terzo del totale. Alcuni testimoni hanno parlato di amianto proveniente dallo smantellamento di vecchi edifici e soprattutto di grosse tubazioni, quintali di tubi in frammenti di grosse dimensioni adoperati per realizzare il sottofondo del bordopista in aperta violazione delle norme. Un intervento fuorilegge, destinato secondo l’accusa a risparmiare sui costi elevatissimi dello smaltimento in discarica autorizzata e ridurre i tempi della lavorazione. Alcuni dipendenti hanno confermato davanti agli investigatori incaricati dalla Procura che la pista di Elmas è stata realizzata in gran parte proprio con quegli scarti e i test eseguiti dal consulente della Procura hanno successivamente fornito il riscontro tecnico che mancava: le analisi e i carotaggi hanno confermato la fondatezza delle accuse. Saranno i giudici della seconda sezione del tribunale a vagliare il contenuto delle indagini e le argomentazioni della difesa. Il dibattimento che si annuncia è lungo e complesso anche per la complessità della materia. L’apertura è prevista per il 9 maggio.

Number of views (801)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi