Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Avellino

venerdì 15 febbraio 2013/Categories: News

La Procura di Avellino ha aperto un' inchiesta sulla morte dell'ex operaio dell'''Isochimica'' Luigi Maiello di 53 anni, morto ieri per le conseguenze di tumori contratti forse in conseguenza dell'esposizione all' amianto tra gli anni '80 e '90 nell' azienda irpina, che decoibenta i vagoni delle Ferrovie dello Stato. Sul corpo dell'operaio la Procura ha disposto l' autopsia, nominando due consulenti. I funerali sono stati rinviati.
Si tratta della nona vittima accertata dell'amianto scoimbentato. I 23 anni sono invece riferiti all’inchiesta che va avanti su tre direzioni sullo stabilimento di Borgo Ferrovia: il danno ambientale, la tutela dei lavoratori o la presenza di amianto nell’area dell’Isochimica. Nei giorni scorsi la notizia che oltre al patron dell’azienda Elio Graziano, altre tre persone sono state iscritte nel registro degli indagati per reati che vanno dal disastro ambientale alla rimozione ed omissione di cautele contro gli infortuni e lesioni personali colpose (articoli 437, 449 e 590 del codice penale). Reati che sarebbero ascrivibili tanto ai produttori, quindi Ferrovie dello Stato e proprietà, quanto a funzionari pubblici dell’epoca competenti in materia di vigilanza e tutela della salute degli operai e dell’incolumità pubblica, quindi Asl oppure INAIL.
 

 

Number of views (826)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi