Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

News Riduci

Padova

lunedì 8 aprile 2013/Categories: News

Il 3 aprile si è svolta l’udienza preliminare presso il Tribunale di Padova contro gli imputati della Fonderie Valbruna (stabilimento di Piove di Sacco) per la morte di due lavoratori colpiti da mesotelioma pleurico e carcinoma polmonare a causa dell’esposizione all’amianto. Medicina democratica, difesa dall’avv. Laura Mara del Foro di Busto Arsizio è stata riconosciuta quale parte civile. L’inizio del processo, al seguito del rinvio a giudizio, è stato fissato per il 17 ottobre. Anche l’Associazione Italiana Esposti Amianto (AIEA) è stata riconosciuta parte civile con l’avv. Edoardo Bortolotto del Foro di Vicenza.

 

I processi per le morti da amianto si stanno susseguendo uno dietro l’altro in diverse parti d’Italia. A partire dal più grande procedimento attualmente in corso presso la Corte d’ Appello di Torino contro la multinazionale ETERNIT, la coscienza comune della popolazione sulla pericolosità dell’amianto, sulla necessità delle bonifiche e sulla responsabilità di chi ne ha fatto largo uso - pur sapendo dei rischi e dei danni cui venivano sottoposti lavoratori e popolazione - è diventata ampia. Le istituzioni, esse stesse presenti in diversi processi, hanno dovuto intervenire.

Dopo la seconda Conferenza Nazionale Amianto voluta e richiesta dalle associazioni delle vittime e degli ex esposti, celebrata a Venezia dal 22 al 24 novembre del 2012, oggi a Casale Monferrato il Ministro della Salute, Renato Balduzzi, presenta il Piano Nazionale Amianto, un atto importante da parte del Ministro uscente, che col suo costante impegno ha saputo restituire dignità ed attenzione alla lotta contro il minerale killer. L’attesa è per l’eliminazione dell’amianto in tutto il territorio nazionale.

La seconda ordinanza di riconoscimento quale parte civile di Medicina Democratica è quella inerente la tragedia di Viareggio del 2009.
A Lucca il 4 aprile si è svolta l’udienza preliminare “sull’esclusione delle parti civili”, nel procedimento contro gli imputati per la morte di 32 persone al seguito del disastro-crimine a Viareggio del 29 giugno 2009. Fra gli imputati ci sono diverse società e vi l’amministratore delegato delle FS Mario Moretti. Su 120 richieste di costituzione di parte civile il GUP (giudice dell’udienza preliminare) ne ha accolte 117: vittime, famigliari, associazioni, sindacati e istituzioni. Anche questa volta Medicina Democratica, presente a Viareggio con una propria sezione, difesa dall’avv. Laura Mara, è stata riconosciuta. Significativamente sono pure stati riconosciuti 12 RLS (Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza) che si battono da anni per la sicurezza del trasporto ferroviario a volte subendo pesanti provvedimenti disciplinari, come è successo al macchinista Dante de Angelis.
La prossima udienza, sempre allo stadio preliminare, è stata stabilita il 3 giugno.

Number of views (1018)

Tags:
Stampa  
 
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi