Fondazione Sosteniamoli SubitoLoghi

 Evento Presentazione Campagna "Asbestus Free"
13 dicembre - Palazzo Giustiniani
 
 
 

La Fondazione ANMIL “Sosteniamoli Subito” onlus, le Organizzazioni sindacali CGIL, CISL, UIL, UGL e le Associazioni AFeVA (Associazione Familiari e Vittime Amianto) e AIEA (Associazione Italiana Esposti Amianto) hanno presentato nella Sala dei Presidenti del Senato della Repubblica di Palazzo Giustiniani il Protocollo d’intesa “Liberi dall’Amianto”, una straordinaria iniziativa di partnership in favore della ricerca scientifica sul tema dell’amianto, insieme alla campagna di sensibilizzazione “Asbestus Free”.
Alla conferenza stampa, introdotta dal Presidente della Fondazione ANMIL “Sosteniamoli Subito” Antonio Giuseppe Sechi, sono intervenuti: il Ministro della Salute Renato Balduzzi; il Presidente della Commissione parlamentare infortuni sul lavoro e “morti bianche” Sen. Oreste Tofani; i sottoscrittori del Protocollo - ovvero il Segretario Confederale CISL Fulvio Giacomassi, il Segretario Confederale UIL Paolo Carcassi, il Segretario Confederale UGL Paolo Varesi, il Responsabile CGIL Salute e Sicurezza nella Contrattazione di Secondo Livello, Politiche per la trasparenza negli appalti e per la lotta alla contraffazione Claudio Iannilli, il Coordinatore AFeVA Bruno Pesce e la Presidente AIEA Lazio Maura Crudeli - una rappresentanza del Comitato Scientifico nelle persone del Prof. Antonio Bergamaschi Docente di Medicina del Lavoro presso l’Università Cattolica di Roma, il Prof. Luigi Portalone Direttore II Unità Operativa C - Pneumologia Oncologica Dip. Malattie Polmonari presso il San Camillo-Forlanini di Roma, il Prof. Fulvio D’Orsi Direttore Unità Operativa Complessa Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro presso la USL Roma C e il Prof. Giuseppe Cimaglia Specialista in Medicina Legale, oltre al Dott. Ferdinando Bonamico del Servizio Tutela e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro della Direzione Prevenzione della Conferenza Stato Regioni e alcune vittime dell’amianto quali Silvana Zambonini dell’AIEA Lazio e il Sig. Tiberio Paolone.
Sono inoltre intervenuti il Presidente INAIL Massimo De Felice, i due ideatori della campagna “Asbestus Free” Stefania Marini e Michele Mancaniello,vincitori del Concorso promosso dalla Fondazione ANMIL “Sosteniamoli Subito” insieme all’Università La Sapienza di Roma e all’agenzia pubblicitaria Roncaglia, e il fotografo-giornalista Gianni Pinnizzotto dell’Agenzia Graffiti Press che ha realizzato le suggestive immagini della campagna.
Con questo Protocollo, per la prima volta, i maggiori sindacati e le Associazioni di vittime dell’amianto si sono “alleati” per promuovere l’informazione e la sensibilizzazione sociale finalizzata al sostegno della ricerca per la prevenzione e la cura delle malattie asbesto-correlate.
Per finanziare i progetti di ricerca le donazioni verranno raccolte attraverso i conti correnti bancario (IBAN IT 45 E 02008 05284 000 102057742) e postale (n. 1006240137). 
 

 
Campagna “Asbestus Free”

 

L’idea progettuale
Per sensibilizzare l’opinione pubblica e più in particolare i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni sul delicato tema dell’amianto e sulle sue conseguenze sulla salute di tutta la popolazione (non solo dei lavoratori), nel mese di febbraio 2012 l’ANMIL e la sua Fondazione “Sosteniamoli subito”, in collaborazione con il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale dell’Università La Sapienza di Roma e l’Agenzia di Comunicazione Roncaglia e Vikijander, ha lanciato un Concorso nazionale per la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione e di fund raising per finanziare progetti di ricerca sulla prevenzione e la cura delle malattie asbesto-correlate.
Il Concorso aperto ad universitari, laureandi e laureati di qualsiasi facoltà ha visto assegnare il premio alla campagna ideata da Stefania Marini e Michele Mancaniello, con l’idea “Asbestus Free”.
Adottare questo neologismo, che fonde una radice derivata dal greco ad un moderno ed attualissimo inglese, simboleggia quasi una preghiera, contraendo “Asbestos Us Free” - come fosse “Deliver Us” (liberaci) - nella formula “Asbestus Free”, cioè Liberi dall’amianto: non contaminati. Fare nostro un linguaggio giovanile, quasi uno slang, legato al passato nobilmente classico del greco, per sottolineare l’universalità del problema di cui trattiamo nel progetto, che riguarda tutti, senza distinzioni di età o di provenienza.
I due giovani ideatori hanno scelto il tatuaggio quale elemento caratterizzante la campagna istituzionale, come linguaggio sempre più diffuso e praticato tra i ragazzi e in quanto forma d’arte “fisica”, legata al corpo, così come fisiche sono le conseguenze derivanti dall’esposizione all’amianto.
Il corpo tatuato vuole evidenziare, da una parte, quanto esso sia inconsapevolmente vulnerabile alla contaminazione da amianto e, nello stesso tempo, restituire un messaggio positivo: risanato il paese, quindi bonificato dall’amianto, ogni giovane potrà dirsi “Asbestus Free”, ossia non contaminato.
I corpi nudi vogliono rappresentare un doppio ed opposto significato: nudi in quanto scoperti, vulnerabili rispetto alla contaminazione dall’amianto, ma anche in quanto puri, sani. Il tatuaggio “Asbestus Free”, posto bene in evidenza sulle immagini della campagna, vuole esprimere questo secondo significato: corpi sani, finalmente “Liberi dall’Amianto”.
 

Shooting Fotografico
La realizzazione degli scatti della campagna è stata curata dal fotoreporter Gianni Pinnizzotto - romano, classe 1952 - Presidente dell'Associazione Culturale Graffiti, Direttore della Scuola Permanente di Fotografia e dell'Agenzia Fotogiornalistica Graffiti Press.

Si sono gentilmente prestati a titolo gratuito quali soggetti protagonisti degli scatti fotografici: Claudia Aiello 25 anni, Laura Bernardi 30 anni, Ernesto Cornetta 37 anni, Franco D’Amico 66 anni, Matteo Fortunati 24 anni, Carla Setini 61 anni, Cristiano Borsi 4 anni e Maura Crudeli, 39 anni, figlia di una vittima dell’amianto.
La campagna pubblicitaria prevede uno spot che si rifà alle foto e vuole richiamare l’interesse sociale sul tema e promuovere la raccolta fondi.
Pianificazione media e divulgazione
Per divulgare il Progetto e permetterne una diffusione capillare verranno distribuite un milione di card e pieghevoli informativi presso le scuole italiane, le associazioni culturali, le università, gli uffici pubblici e le ASL del territorio nazionale.
Il sito www.sosteniamolisubito.it, realizzato gratuitamente dal Laboratorio delle Idee che ha voluto così sostenere l’iniziativa offrendo il supporto informativo necessario alla sua divulgazione, fornirà aggiornamenti in tempo reale su iniziative ed eventi legati alla campagna.

Per scaricare i materiali della campagna in alta risoluzione clicca qui.

 
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
nome
 
FONDAZIONE ANMIL SOSTENIAMOLI SUBITO Via Adolfo Ravà n. 124 - 00142, Roma Tel. +39 06 54196205 Fax +39 06 5402248 segreteriafondazione@anmil.it C.F. 97408540587
 Realizzato da Laboratorio delle Idee srl   Condizioni d'uso  Privacy   
Accedi